Biciclette senza pedali per bambini

2 commenti

Biciclette senza pedali per bambini

Biciclette senza pedali: cosa sono, come funzionano, i vantaggi nel loro utilizzo


Da bambino ho imparato ad andare in bicicletta nel più classico dei modi: prima con le rotelle aggiuntive laterali, successivamente senza rotelle collezionando mille cadute e sbucciature di ginocchia.

Il problema "tecnico" nel passaggio tra un sistema e l'altro è dato principalmente dai pedali: sono sempre presenti lì nel mezzo e viene naturale ai bimbi poggiarci sopra i piedi e mulinare per avanzare.
D'altronde se li usavano prima con le rotelle laterali, pretendono giustamente di usarli anche quando le rotelle non ci sono più.

I bambini, in definitiva, imparano prima ad usare i pedali e poi a mantenersi in equilibrio!

Questo sistema, purtroppo, è davvero poco funzionale dal punto di vista dell'apprendimento neurologico: viene così definito il complesso sistema che consente di far funzionare un individuo.
Consiste nell'acquisizione, elaborazione e produzione di tutti i dati necessari a potersi relazionare con se stesso, con l’ambiente e con i propri simili.
Consente inoltre di muovere il proprio corpo coerentemente, ricevere, filtrare ed elaborare in modo preciso ed appropriato tutti i dati che giungono dall'ambiente attraverso i sensi.
La fase di crescita del Sistema Neurologico inizia durante il primo trimestre di gestazione e giunge a compimento intorno al sesto anno di vita dei bambini.

A partire dai due-tre anni di età, cioè quando il bimbo è in grado di camminare, è possibile insegnargli ad usare una piccola "bicicletta senza pedali", chiamate anche "PedalLess bike", "Pre-bike", "Run-bike" o "Balance-bike", assecondando un normale apprendimento neurologico.
Esempio di bicicletta senza pedali per bambini.
In questa foto viene mostrato un modello robusto del marchio Commencal

La principale caratteristica di queste biciclette è, ovviamente, quella di non avere pedali. Secondariamente è molto importante che posseggano la regolazione in altezza della sella: questa andrà regolata secondo il cavallo del bambino, in modo che possa sedersi e al contempo muovere le gambe simulando l'atto di camminare.

Il fatto di non avere dei pedali ingombranti nel mezzo permette al bimbo di "camminare" da seduto senza impedimenti: un movimento per lui naturale e già acquisito.
Ecco che, dal punto di vista neurologico, imparerà autonomamente ad affinare l'equilibrio spingendo a grandi falcate la bici e scoprendo che, sollevando un po' i piedini, la bicicletta continuerà a muoversi da sola!

Lasciando giocare il bimbo con la bicicletta senza pedali, in pochissimo tempo imparerà ad usarla e diventerà sempre più temerario, affrontando discese, dossi e curve a tutta velocità.
Non avrà mai paura perché i piedi sono sempre vicini al terreno per l'appoggio.
Deciderà lui stesso la velocità e capirà autonomamente come dovrà usare gambe e piedi per rallentare e fermarsi.

Nelle prime fasi di scoperta delle bici senza pedali, il bambino si limiterà a camminare seduto sulla sella, aggrappato al manubrio; man mano che aumenterà la confidenza con le sensazioni fornite dalle ruote, inizierà letteralmente a correre spingendo la bici a lunghi passi e qui, complice la velocità, imparerà da solo il gioco dell'equilibrio e guiderà la bici indirizzandola tramite il manubrio.

Il percorso neurologico di apprendimento avrà così una linea di crescita naturale: il bambino affinerà coordinazione ed equilibrio in sella alla piccola bici proseguendo nello sviluppo delle capacità motorie derivate dal "camminare" e nello sviluppo di un aumentato senso dell'equilibrio.


Procedendo a piccoli passi

Il vantaggio delle bici senza pedali è quello di permettere un accrescimento della fiducia e dell'autostima propria del bambino favorite dal particolare modo d'uso dell'oggetto: l'apprendimento, infatti, è sostenuto dalla possibilità di avere i piedi sempre a terra; dal fatto di poterli sollevare quando il bimbo si sente più sicuro e dal fatto che non debba imparare ad usare altri sistemi meccanici quali pedali o freni.
Potrà così dedicarsi solo ad un nuovo modo di camminare e correre.
Pensate invece come funziona l'apprendimento neurologico nella "vecchia maniera": prima il bambino impara ad usare i pedali sorretto nell'equilibrio dalle rotelle; successivamente vengono tolte le rotelle ed è costretto ad imparare da zero la funzione base dell'equilibrio.
Purtroppo non ha ancora la capacità di pedalare in velocità per mantenersi in piedi e si immergerà quindi in uno stato di frustrazione perché troverà la bicicletta senza rotelle troppo difficile da imparare e anche... dolorosa per via delle continue cadute. 
Un altro vantaggio di queste piccole biciclette senza pedali deriva dalla possibilità che hanno di affrontare strade sterrate, ghiaia, porfido, erba... fondi su cui una bici con rotelle laterali avrebbe difficoltà ad avanzare costringendo il bambino ad imprimere uno sforzo enorme sui pedali.

La possibilità di percorrere distanze sempre più lunghe, rapidamente, in sicurezza e divertendosi, regaleranno al bimbo una sensazione di libertà e di estrema fiducia.

Dove acquistarle?

Fino a poco tempo fa era difficile trovare in commercio le bici senza pedali, bisognava ordinarle dall'estero via web; oggi fortunatamente possiamo trovarle in vendita in molti negozi, centri commerciali e grandi catene sportive.
Le troveremo in svariati modelli: in legno, in metallo, con pedali che possono essere aggiunti in seguito, con o senza freno posteriore e in tutte le fasce di prezzo.

Consigli personali

Personalmente consiglio l'acquisto di un modello semplice e robusto -ottimi quelli in legno-, dotato di sella regolabile in altezza e di ruote larghe per affrontare ogni pavimentazione.
Evitate l'acquisto di modelli con il freno perché aggiungereste una difficoltà d'apprendimento in più al vostro bimbo.

Successivamente, quando sarà più grande, consiglio di introdurre una bicicletta standard dotata di pedali e freni: avendo già acquisito l'equilibrio e le nozioni di velocità e manovra, imparerà in breve tempo ad utilizzare i pedali per far avanzare la bici.
In ultimo, cari genitori, non dimenticate la forma di apprendimento-copia che i bambini mettono in atto: togliete i pedali dalla vostra bici e utilizzatela mostrando loro come fare. Copiando i vostri gesti impareranno ancora più rapidamente!

Vi lascio con uno splendido filmato girato dalla "Commencal", un marchio di biciclette che produce anche le piccole senza pedali da loro denominate "push bikes", dove vengono ripresi due bambini piccoli sprezzanti del pericolo in sella alle loro bicicline.
Buona visione ;)





Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
Sei libero di condividere e ri-pubblicare l'articolo a patto di non modificare nessuna parte dello scritto e di indicare sempre la fonte inserendo un link attivo al sito "www.90rpm.blogspot.it".
Tuttavia procediamo spesso alla modifica e all'aggiornamento degli articoli già pubblicati, quindi ti suggeriamo di non fare copia/incolla dei testi, ma di segnalare l'articolo tramite il suo link diretto.

Hai trovato l'articolo interessante?

Votalo e condividilo se ti è piaciuto!

2 commenti:

  1. Bellissimo!
    Mi piace soprattutto dove vedi i bimbi che mettono i piedi sul telaio mentre la bici è lanciata... ecco che hanno imparato a stare in equilibrio. Geniale e semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Geniale e semplice, esattamente! ;)

      Elimina


TOP