La salita di Pedrinate

Scrivi un commento...

La salita di Pedrinate

Una salita corta ma impegnativa in territorio svizzero, ottimo terreno di allenamento!


Finalmente domenica il meteo ha voluto concedere una tregua alla fascia prealpina e ho potuto rimettere la bici in strada dopo due settimane di rulli!

Partenza alle 8, gruppo di quattro, direzione lago di Como con variante Albate tra saliscendi molto divertenti e drittoni veloci.
Ottima condizione fisica nonostante le poche ore di sonno!
Una foratura riparata al volo e poi in corsa fino a Cernobbio dove ci siamo rilassati con un caffè nel solito bar fronte lago.
Fino a qui la media è stata ottima e le gambe  hanno girato bene!

Cosa facciamo adesso? Dove si va?
Svizzera!
Entrando da Maslianico, un bel giro nella zona di Chiasso e per non farci mancare nulla decidiamo per una bella salita che scollina sul versante italiano: la Chiasso-Pedrinate, una delle classiche del ciclismo.

Chiasso-Pedrinate una salita classica del ciclismo ticinese

La conoscevo di fama, ma non l'avevo mai fatta.
I commenti del gruppo non mi impensieriscono e decido di affrontarla senza paura: partenza modesta, ecco il primo tornante e subito si attacca!
7%, 8%, 9% tornante e controtornante, cavatappi e strappo, nessuna pausa, nemmeno qualche metro per far scendere le pulsazioni!

Uno scorcio dei tornanti della salita di Pedrinate

Sono poco più di 2 chilometri senza tregua e quando pensi di essere al limite ecco che senti la bici che di colpo diventa pesante e rallenta… la colla sotto le ruote e tu spingi come non mai per superare un favoloso 15,9% (sì esatto, quindicivirgolanove!) lungo 50 metri che ti avverte che sei quasi in cima.
Poi vedi che finalmente spiana e il cartello della località è lì a dirti che ce l'hai fatta, la salita è tua!

Grafico altimetrico della salita Chiasso-Pedrinate - Fonte: grimpeur.it

Dopo, finalmente, le discese e si recupera un po' per poi rientrare a casa frullando ancora su provinciali veloci dove sfrutto le ruote di due passisti per andare agile e rilassare la muscolatura.

E' stato un ottimo giro di allenamento e anche la media finale mi conferma che la preparazione sta funzionando nel migliore dei modi!
Confermo anche che la nuova tecnica di pedalata push su pedali liberi basata sui concetti del Pose Method del dott. Romanov funziona egregiamente e mi consente di stare nei gruppi clipless senza problemi.
Nessuno credeva  che avrei potuto fare la salita di Pedrinate alla stessa velocità dei clipless, ma così è stato (lasciandone dietro anche qualcuno) e chi è ancora convinto che la scarpa con attacchi sia più funzionale dovrebbe iniziare a porsi qualche dubbio.
Avremo comunque modo di riparlarne prossimamente in uno specifico articolo.







Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
Sei libero di condividere e ri-pubblicare l'articolo a patto di non modificare nessuna parte dello scritto e di indicare sempre la fonte inserendo un link attivo al sito "www.90rpm.blogspot.it".
Tuttavia procediamo spesso alla modifica e all'aggiornamento degli articoli già pubblicati, quindi ti suggeriamo di non fare copia/incolla dei testi, ma di segnalare l'articolo tramite il suo link diretto.

Hai trovato l'articolo interessante?

Votalo e condividilo se ti è piaciuto!

0 commenti:

Posta un commento


TOP