Barrette energetiche fai-da-te per il ciclismo

Scrivi un commento...

Barrette energetiche per ciclismo e sport di resistenza

Come preparare in casa con semplici ingredienti delle ottime barrette da mangiare durante le pedalate

Barrette energetiche preparate in casa con ingredienti semplici e genuini, ottime per il ciclismo e gli sport di resistenza in generale
Barrette energetiche preparate in casa con ingredienti semplici e genuini, ottime per il ciclismo e gli sport di resistenza in generale

Durante il recente CosmoBike di Verona ho potuto constatare come il mercato degli integratori industriali abbia assunto proporzioni elevate: infatti uno degli stand più visitati, e in certi momenti con code incredibili, è stato quello di un noto marchio del settore.

Non vorrei dilungarmi in discorsi legati a questo genere d'integrazione che non concepisco se non in determinate circostanze, quindi sorvolo proponendo invece una mia ricetta per barrette energetiche casalinghe, semplici e genuine che nulla hanno a che vedere con i prodotti industriali!

Di seguito riporto la ricetta originale creata da un nutrizionista. Io però ho voluto modificarla, ve ne parlo più avanti nel testo.

Ricetta originale - Ingredienti

  • 2 banane molto mature
  • 250 g di fiocchi di cereali
  • 50 g di datteri naturali
  • 30 g di frutta secca (ad es. nocciole, mandorle, noci, pinoli)
  • 3 cucchiai di latte
  • 20 g di gocce di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Preparazione

Accendi il forno a 180 gradi.
Metti le banane in una terrina e schiacciale per bene con una forchetta fino a renderle cremose. Non frullarle!
Successivamente aggiungi tutti gli altri ingredienti, avendo cura di tritare finemente i datteri e spezzare la frutta secca con un pestello o simile in modo da mantenere una pezzatura grossolana.
Mescola con cura, versa in una teglia rivestita con carta da forno e distribuisci il composto utilizzando una spatola o un cucchiaio.
La teglia dovrà avere una dimensione tale da consentire di adagiare il composto mantenendo uno spessore adeguato ad una barretta.
Inforna per 20 minuti; estrai poi la teglia; taglia il composto a forma di barrette e rimetti in cottura per altri 10 minuti a 150 gradi.


Questa sopra è la ricetta originale, io invece propongo una variante:

Ricetta personale - Ingredienti

  • 2 banane molto mature
  • 250 g di fiocchi di cereali misti (farro, mais, grano, avena ecc.... )
  • 50 g dati da un mix di fichi o prugne essiccati e uvetta sultanina
  • 30 g di frutta secca (ad es. nocciole, mandorle, noci, pinoli)
  • 3 cucchiai di latte vegetale (di soia, riso o mandorla)
  • 2 cucchiai di malto di cereali
La preparazione rimane poi la medesima.

In questa variante ho voluto sostituire il latte con una bevanda vegetale perché più digeribile e meno proteica.
Ho eliminato il cioccolato che non reputo fondamentale in una barretta energetica per il ciclismo, essendo fonte di grassi (burro di cacao) che richiedono una digestione prolungata.
Ho aggiunto un dolcificante derivato dai cereali, molto energetico ed assimilabile.
Ho eliminato l'estratto di vaniglia che è solo un plus aromatico (se lo gradite lasciatelo pure).
Ho voluto specificare di utilizzare cereali misti perché l'impiego di differenti tipologie garantisce un'assunzione diversificata di nutrienti. Si trovano facilmente fiocchi di cereali misti da agricoltura biologica, oppure soffiati di vario genere.
In ultimo ho eliminato i datteri perché il nostro mercato alimentare è saturo di prodotti importati pieni di pesticidi, aflatossine e metalli pesanti.

Questo particolare tipo di alimento d'importazione è stato segnalato da Coldiretti nel dossier “La classifica dei cibi più pericolosi” presentato al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio ed elaborato sulla base del Rapporto del Ministero della Salute sui sistema di allerta europeo, che registra gli allarmi per rischi alimentari verificati a causa di residui chimici, micotossine, metalli pesanti, contaminanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti nel 2015.
Sempre a proposito delle analisi di Coldiretti, fate attenzione anche alla frutta secca importata da Turchia, Cina, India, Iran ed Egitto.
Per evitare quindi di ingurgitare veleni assortiti, preferite prodotti nostrani, meglio se da agricoltura biologica.

Tornando alla ricetta, ho quindi sostituito i datteri con fichi essiccati e uvetta sultanina di provenienza italiana e biologica.

Forse mi riterrete un po' paranoico sull'alimentazione, ma è innegabile che la salute dell'organismo passi prima di tutto dal cibo e non avrebbe senso scartare le barrette industriali per poi confezionarle in casa con alimenti tossici e dal basso profilo nutrizionale.




Il testo di questo articolo è proprietà esclusiva del sito 90RPM.
L'intero testo, o parti di questo, non possono essere copiati o ripubblicati senza il permesso scritto dell'autore.
Il sito non ha nessuno scopo di lucro, quindi rispettate il lavoro e l'impegno altrui.

Hai trovato l'articolo interessante?

Condividilo se ti è piaciuto!

Stampa l'articolo, crea un PDF oppura invia una email

0 commenti:

Posta un commento


TOP